Comune di Bomporto

Comune di Bomporto

Salta la navigazione





Pubblicazione di matrimonio (Rito civile e religioso)

Cos'è
La pubblicazione consiste nell’affissione, alla porta della casa comunale , di un atto recante il nome, cognome, luogo e data di nascita, professione, residenza e cittadinanza degli sposi, nonché il luogo dove si intende celebrare il matrimonio.
Per poter celebrare un matrimonio, sia religioso che civile, è necessario che lo stesso sia preceduto dalla fase delle pubblicazioni richiesta all’Ufficiale dello Stato Civile presso il Comune di residenza di uno degli sposi.

Durata della pubblicazione
L’atto di pubblicazione resta affisso alla porta della casa comunale per otto giorni consecutivi.
Il matrimonio dovrà essere celebrato entro 6 mesi dalle pubblicazioni stesse; alla scadenza di tale termine senza che si sia proceduto alla celebrazione del matrimonio si dovrà procedere con nuove pubblicazioni in quanto le precedenti si considerano come non avvenute.

Chi può farne richiesta

  • da entrambi i nubendi o da persona che ne ha da essi ricevuto speciale incarico.
  • le cittadine e i cittadini maggiorenni che siano di stato civile libero, non siano cioè legati da un precedente matrimonio civile o religioso con effetti civili;è inoltre necessario che la coppia non sia legata da vincoli di parentela, di affinità o di adozione e affiliazione;
  • le cittadine che abbiano compiuto i 16 anni, ma in tal caso sarà necessaria l’autorizzazione del Tribunale dei minorenni, secondo quanto disposto dall’art 84 del codice civile;
  • i cittadini o le cittadine che avevano già contratto precedente matrimonio ma che hanno già ottenuto la cessazione degli effetti civili del precedente matrimonio; nel caso in cui il primo matrimonio fosse stato celebrato con rito cattolico, per potersi sposare con cerimonia religiosa cattolica è necessario ottenere l’annullamento del precedente matrimonio.

Modalità e documentazione da presentare
E’ necessario compilare l’apposito modulo di richiesta di pubblicazione di matrimonio, allegando copia documento di identità valido, e presentarlo all’’Ufficio di Stato Civile del Comune di residenza di uno dei nubendi, dove si richiede la pubblicazione.
Per i matrimoni da celebrarsi con rito religioso è necessario presentare anche la richiesta del parroco.
Sulla base di quanto indicato dai nubendi nelle dichiarazioni sostitutive di certificazione, l’Ufficiale di Stato Civile provvederà ad acquisire d’ufficio i documenti necessari e ad avvertire gli interessati per fissare l’appuntamento per le pubblicazioni.

  • DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE AI FINI DELLA RICHIESTA DI PUBBLICAZIONI DI MATRIMONIO (vedi allegati).

Per i cittadini stranieri (comunitari ed extra)
Per i cittadini stranieri è necessario il nulla osta del Paese d’origine, rilasciato in Italia dall’autorità diplomatica presente sul territorio (consolato o ambasciata).
Il nulla osta dovrà essere tradotto e legalizzato o apostillato, sempre che non si tratti di paese esente dalla legalizzazione.

E' necessario sapere che
E’ necessario presentarsi sempre con documento di riconoscimento in corso di validità.
All’atto della pubblicazione stessa, la cui data sarà concordata con l’Ufficiale dello Stato Civile, occorre presentare nr. 1 marca da bollo da Euro 16,00 ( se gli sposi sono entrambi residenti nel Comune ) oppure n. 2 marche da bollo da Euro 16,00 ciascuna, se gli sposi sono residenti i 2 Comuni diversi).

Regime patrimoniale
Il regime patrimoniale che per legge regola I rapporti patrimoniali tra coniugi è quello della comunione dei beni, secondo quanto previsto dall’art 159 del codice civile.
Gli sposi che intendono regolare i loro rapporti patrimoniali con la separazione dei beni devono comunicarlo al parroco, prima della celebrazione del rito, nel caso di matrimonio religioso, o all’Ufficiale dello stato civile al momento delle pubblicazioni , se si tratta di matrimonio civile.
E’ possibile cambiare la scelta del regime patrimoniale successivamente al matrimonio attraverso la dichiarazione di fronte al notaio, che verrà poi successivamente annotata a margine dell’atto di matrimonio.

Servizi Demografici, Anagrafe, Stato civile e Sportello al cittadino per i Servizi Scolastici

c/o centro civico polifunzionale “Il Tornacanale” - Piazza Matteotti, 34 - 41030 Bomporto (Mo)

tel. 059-800716 / 059-800707
fax. 059-800742
e-mail: anagrafe@comune.bomporto.mo.it
referenti:
Antonella Ferrioli
Anna Vita Brancasi

orari:
Lunedì 08:00 - 13:00
Martedì CHIUSO
Mercoledì 08:00 - 13:00 / 14:30 - 17:00
Giovedì 08:30 - 13:00 / 14:30 - 17:00
Venerdì CHIUSO
Sabato 08:00 - 12:00

Primo inserimento del 09/08/2010 -- Ultimo aggiornamento del 24/05/2017 ore 12.55 -- N° visioni: 4.454 - Stampa


Torna su


Sei il visitatore n° 6.798.379 - Totale utenti attualmente collegati: 147

Strumenti per la lettura: Visualizza il testo a caratteri normali Visualizza il testo a caratteri grandi Visualizza il testo ad elevato contrasto Visualizza il testo senza grafica

Ultimo aggiornamento: Giovedì, 22 Agosto 2019 ore 16.23

Stemma del Comune di Bomporto
Comune di Bomporto
Via Per Modena, 7 - 41030 Bomporto (MO)
Tel. 059 800 711 - Fax 059 818 033
Posta elettronica certificata: comunedibomporto@cert.comune.bomporto.mo.it
Partita IVA 00662760362 - Codice Fiscale 00662760362

Coordinate bancarie del Comune di Bomporto
Servizio Tesoreria Bomporto: Banca Popolare dell'Emilia Romagna: IT64 X 05387 66660 000000489695
Tesoreria unica presso Banca d'Italia: n.183121
Codice univoco di fatturazione UF3F4F

Privacy - Note legali

© 2005-2019 Comune di Bomporto - Sito realizzato con stile e criterio da Aitec.it

Amministrazione Trasparente

Comune di Bomporto - Torna alla pagina iniziale Unione del Sorbara Comune di Bastiglia Comune di Nonantola Comune di Ravarino